PRACTICA

DUE

A R C H I T E T T U R A

Pianificazione e progettazione architettonica, ristrutturazione immobiliare, ristrutturazioni di lusso, valutazione architettonica.

PROGRAMMA

PROGETTO

TORNA A COMUNITÀ

E COMMERCIALE

D E S E R T   U T O P I A

Tipologia: Uso Misto

Stato: Studio Progettuale

Anno: 2017

Questo progetto è un esperimento di laboratorio alla ricerca di nuovi modelli architettonici. L'obiettivo è ripensare l'avanguardia architettonica come strategia per sviluppare l'intersezione tra tecnologico / materiale / formale e sociale / culturale. Viviamo in una società moderna in cui gli attuali paradigmi architettonici si stanno esaurendo, i progetti sono guidati da un esagerato formalismo che priva l'esperienza architettonica.

 

L'obiettivo dello studio è scoprire se è possibile proporre un'altra rivoluzione architettonica basata sulla nostra società capitalistica, i suoi bisogni socio-economici e le nuove tecnologie appropriate per i tempi moderni di oggi. Di solito, durante qualsiasi fase della progettazione ci sono confini e compromessi da fare; il seguente progetto assume una forma di sviluppo utopico e viene liberato da tutti i vincoli, ai fini della ricerca, pur mantenendo una scala di tangibilità. Lo studio si concentra sulle complesse operazioni coinvolte nella trasformazione di concetti architettonici astratti in proposte concrete di costruzione. Per costruire l'architettura, è necessario andare oltre le apparenze superficiali per comprendere la composizione complessa e materiale degli edifici. È necessario negoziare tra idee e fatti; l'utopia proposta si sviluppa dalla concezione (progettazione) alla costruzione (sistemi) e, infine, propone un'abitazione immaginata.

 

È stato necessario studiare le strategie urbane passate che hanno influenzato lo sviluppo dei movimenti architettonici che hanno modellato le nostre città moderne; l'enfasi è stata data a uno studio su Roma, Castra romana, Canabas e Coloniae. Dopo l'analisi di vari sistemi di griglia, è stato scelto uno schema radiale con un piano centrale: il programma è organizzato attorno alla circolazione primaria che va da nord a sud e da est a ovest e la circolazione secondaria che scorre concentricamente attorno al piano. E' essenziale quindi l'interazione e giustapposizione di spazi presenti all'interno dell'ambiente costruito; l'espansione e la contrazione dei medesimi crea un ambiente dinamico.

 

I residenti temporanei sono situati negli hotel con camere, hall e uffici. Sono posizionati tangenti agli assi principali e dividono l'organizzazione in settori; uno per i residenti permanenti che comprende alloggi, vigneti e strutture per il vino (deposito, aree di degustazione ecc.) e uno per gli artisti con vari spazi per seminari. Si presta attenzione a uno spazio centrale che ospita un forum aperto e uno spazio espositivo utilizzato da sia artisti, artisti e eventi legati al vino. I sistemi di inviluppo e chiusura sono utilizzati per fornire ventilazione naturale (camere d'aria, prese d'aria), riscaldamento passivo (pareti di trombe) e riciclaggio dell'acqua di drenaggio per un'architettura sostenibile.